Motori

Mondiale Rally – Dietrofront FIA: l’ibrido rimane fino al 2026

mondiale rally – dietrofront fia: l’ibrido rimane fino al 2026

Mondiale Rally – Dietrofront FIA: l’ibrido rimane fino al 2026

Lo scorso febbraio la FIA aveva annunciato la clamorosa rinuncia all’ibrido per il Mondiale Rally, pubblicando la bozza dei nuovi regolamenti. Una notizia che era stata accolta bene dagli appassionati, soprattutto dai puristi; oggi però arriva la doccia fredda per loro, perché la Federazione ha fatto una brusca inversione di marcia, annunciando che i regolamenti tecnici del WRC per le vetture Rally1 e Rally2 rimarranno invariati fino alla fine del 2026.

L’ibrido rimane. Almeno per altre due stagioni piene, le regole resteranno quelle che già conosciamo oggi. Tutte le novità già note e altre sul tavolo delle discussioni, incluso il kit d’aggiornamento per le Rally2, sono state rinviate al 2027. Nella nota diffusa alla stampa, si legge: “Tutte le parti interessate stanno lavorando alacremente per i regolamenti 2027 e c’è un buon consenso tra i membri del Consiglio Mondiale e i costruttori sugli obiettivi chiave che mirano a ridurre principalmente i costi e incentivare i marchi alla competizione al massimo livello”.

I motivi della scelta. Dietro alla decisione di rimandare i nuovi regolamenti c’è la volontà di dare il tempo materiale ai costruttori di rivedere i loro progetti: “Presenteremo il nuovo pacchetto regolamentare alla riunione di dicembre del Consiglio Mondiale, consentendo ai costruttori di adeguarsi con due anni di anticipo”. Il presidente della FIA, Ben Sulayem, ha aggiunto: “Il Mondiale Rally è davvero importante, è l’apice del rally e nelle ultime settimane ho avuto tanti scambi di idee con i costruttori sulla direzione futura. Ormai è chiaro che serve stabilità tecnica per i prossimi due anni”.

I costruttori approvano. Come lasciato intendere dallo stesso presidente della FIA, questo dietrofront è frutto delle discussioni con le squadre: Toyota, Hyundai e M-Sport/Ford sono d’accordo. Cyril Abiteboul, presidente e team principal della Hyundai, ha commentato la notizia dicendo: “Siamo tutti convinti che la stabilità dei regolamenti tecnici sia la cosa giusta e i passi compiuti sulla governance consentiranno di avere un approccio più unificato e positivo che porteranno miglioramenti sia a breve che a lungo termine, ed è proprio questo di cui lo sport ha bisogno”. Malcolm Wilson di M-Sport ha aggiunto: “Abbiamo visto delle buone proposte sul fronte della promozione, del marketing e dei piani per le operazioni di gara. Adesso occorre iniziare a lavorarci. Penso ci sia la possibilità di raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi per il WRC”.

TOP STORIES

Top List in the World