Ferrari

Formula 1

Motori

Sport

Ferrari | Leclerc allontana la pressione: “La Red Bull è ancora la macchina da battere!”

ferrari | leclerc allontana la pressione: “la red bull è ancora la macchina da battere!”

Ferrari | Leclerc allontana la pressione: “La Red Bull è ancora la macchina da battere!”

La Ferrari favorita in Canada? Secondo gli avversari, la SF-24 potrebbe essere la macchina da battere, ma Charles Leclerc, vincitore del Gran Premio di Monaco non intende accettare questo ruolo, rispedendo al mittente qualsivoglia dichiarazione in merito. Il monegasco, nel corso del giovedì di Montreal ha parlato di questo aspetto, ma anche di come la Scuderia sia migliorata negli ultimi mesi dal punto di vista decisionale, anche in pista, mettendo da parte i timori e acquisendo sempre più coraggio, cosa che da sempre è mancata fino a due anni fa. Per il #16 la Red Bull resta comunque la macchina da battere, e Barcellona potrebbe essere decisiva in tal senso.

“Succede sempre così – ha detto Charles. In un weekend a dirlo è Helmut Marko, in quello dopo Norris. La verità è che nessuno vuole essere favorito, e non sarò nemmeno io a dirlo, quindi preferisco passare la palla agli altri. Siamo vicini a McLaren e Red Bull, è vero, ma chi farà il lavoro migliore sarà premiato. Negli ultimi mesi abbiamo avuto un ottimo approccio, risolviamo i problemi rapidamente e questo credo sia il motivo principale del nostro miglioramento. Poi la vettura ha più guidabilità rispetto all’anno scorso, è un aspetto che trasmette fiducia”.

“Credo che la Red Bull sia ancora la macchina da battere, siamo un passo indietro rispetto a loro ma non così lontani: siamo stati bravi a non lasciare punti per strada come nel 2023, e in più prendiamo le decisioni con molta rapidità, rischiamo senza paura di sbagliare. C’è un atteggiamento diverso, mentre prima eravamo più conservativi. C’è ancora del lavoro da fare, dobbiamo migliorare nelle curve lunghe e lente, come in Cina, e credo che questa sia l’area principale sulla quale lavorare. Poi sì, ci sono anche altri dettagli che vanno sistemati e che possono fare la differenza se sommati tutti insieme.

“A Montreal non possiamo dimenticare la variabile pioggia – spiega Leclerc – non abbiamo ancora corso con queste monoposto in condizioni di bagnato e non sappiamo quali possano essere i valori reali se dovesse piovere, ma se potessi scegliere, preferirei avere una qualifica con l’acqua e la gara con le slick, più che altro dal punto di vista strategico, perché se hai una macchina in grado di fornire buone prestazioni, vuoi meno variabili possibili”.

TOP STORIES

Top List in the World