Motori

Codice della strada – Lo strano caso delle multe seriali da autovelox non omologato

codice della strada – lo strano caso delle multe seriali da autovelox non omologato

Codice della strada – Lo strano caso delle multe seriali da autovelox non omologato

Fa discutere il caso di un automobilista che ha ricevuto dal Comune di Chieri (Torino) 52 verbali per eccesso di velocità, infrazione rilevata con autovelox. Tramite ricorso al Giudice di pace del capoluogo piemontese, il cittadino (assistito da Globoconsumatori ODV) si è visto cancellare quattro multe con sentenza del 4 luglio 2024. Il motivo? Il rilevatore era solo approvato, contrariamente a quanto stabilisce il Codice della strada, che all’articolo 142, quello che disciplina i limiti di velocità, parla espressamente di omologazione (“apparecchiature debitamente omologate”), obbligo su cui si recentemente pronunciata anche la Corte di Cassazione. Lo stesso trasgressore, autore di violazioni seriali a pochi giorni una dall’altra, ha ricevuto altri 48 verbali per un totale di circa 18 mila euro: riunirà più sanzioni in diverse opposizioni scadenzate nel tempo, con l’ultima udienza prevista per gennaio 2026.

Qualche dubbio. Se è vero la pubblica amministrazione ha l’obbligo di rispettare le norme sui controlli automatici, è altrettanto vero che l’eccesso di velocità rappresenta un’infrazione molto grave, tale da mettere in pericolo la vita altrui e la propria: 52 violazioni per aver infranto i limiti lasciano perplessi. Dunque, in questo caso, non si tratta delle multe seriali in buona fede per non aver visto un cartello illeggibile, come si verifica a volte all’ingresso delle Ztl.

TOP STORIES

Top List in the World