Alfa Romeo

Prove

Alfa Romeo Junior Veloce, come va la più potente con 280 CV

Lo sterzo, le sospensioni e il differenziale autobloccante la rendono molto gustosa da guidare. E va da 0 a 100 km/h in 5,9 secondi

android, alfa romeo junior veloce, come va la più potente con 280 cv

Quando Alfa Romeo presenta un nuovo modello l’interesse è sempre piuttosto alto, anche tra i non appassionati di auto spesso ci si scambia commenti sull’aspetto esterno, su com’è stata disegnata la macchina, a volte anche discutendo sull’estetica.

E nel caso dell’Alfa Romeo Junior si è discusso tanto anche sul nome: penso che vi ricorderete le polemiche con il governo italiano che hanno portato il gruppo Stellantis a dover passare da Milano a Junior, poche ore dopo la presentazione ufficiale di qualche mese fa (aprile 2024).

Ma le Alfa Romeo fanno parlare anche per le prestazioni, per la sportività e questa è la prima occasione in cui posso darvi le mie impressioni di guida, dopo aver partecipato al primo test drive organizzato da Alfa Romeo per la Junior Veloce, cioè la versione più potente con 280 CV di potenza.

Clicca per leggere:

Esterni | Interni | Guida | Prezzi

Alfa Romeo Junior Veloce 2024: Esterni

L’Alfa Romeo Junior non è il primo caso in cui il nome è stato cambiato dopo la presentazione. Per esempio, nel 2003 la Fiat Gingo diventò Fiat Panda per evitare problemi legali con Renault, per l’assonanza con il nome Twingo.

Ora comunque l’Alfa Romeo più piccola si chiama Junior, posizionandosi “sotto” l’Alfa Romeo Tonale con una lunghezza di 4,17 metri (35 cm in meno della Tonale), con 1,50 metri di altezza (un valore più da crossover che da SUV, qualche centimetro in più di una berlina) e con una larghezza di 1,78 metri.

Alfa Romeo

Alfa Romeo Junior Veloce 2024 – Prova su strada – Foto

Sono dimensioni che classificano l’Alfa Romeo Junior nel cosiddetto segmento B del mercato, sfruttando la piattaforma telaistica modulare del gruppo Stellantis chiamata CMP. Si tratta di una base condivisa anche con altri modelli con carrozzeria rialzata, come la Jeep Avenger o la Fiat 600, su cui questa piattaforma ha ricevuto l’evoluzione CMP2 partendo dalla CMP di cui già da tempo sono dotate altre auto del gruppo industriale, come la Peugeot 2008 o la Opel Mokka.

Parlando di design esterno, la Junior ha un frontale che introduce un nuovo trilobo Alfa Romeo, con lo scudetto che si può avere con la stilizzazione del biscione visconteo o con la scritta Alfa Romeo. E il logo del marchio non è più sulla mascherina ma è stato spostato sul cofano anteriore ed è verniciato in grigio e nero, non a colori.

Alfa Romeo

Alfa Romeo Junior Veloce 2024 – Prova su strada – Foto

I fari hanno una forma a C e sono composti da 3 elementi sottili su ogni lato, riproponendo lo schema 3+3 delle sorelle maggiori Tonale e Stelvio. Le luci, inoltre, sono a matrice di LED, una tecnologia ancora poco diffusa in questa categoria di auto.

La fiancata è meno “lavorata” rispetto al frontale, ci sono meno linee: le proporzioni sono definite soprattutto da una “spalla” abbastanza marcata che emerge dietro la porta posteriore, con la maniglia nascosta sul montante che, a sua volta, si stacca visivamente dalla carrozzeria, in abbinamento al tetto che può essere verniciato in nero a contrasto.

Le luci posteriori formano una fascia luminosa che attraversa tutto il portellone, piegando verso il basso sui lati, con al centro del portellone la scritta Alfa Romeo sviluppata per esteso a sostituire il logo del marchio. Il lunotto è piuttosto inclinato e la coda è tronca, prendendo ispirazione da modelli Alfa Romeo Zagato del passato.

Alfa Romeo

Alfa Romeo Junior Veloce 2024 – Prova su strada – Foto

Alfa Romeo Junior Veloce 2024: Interni

Il bagagliaio della Alfa Romeo Junior parte da una capacità minima di 400 litri, un valore niente male per una macchina lunga meno di 4,20 metri. Sulla motorizzazione elettrica inoltre c’è anche un vano di carico sotto il cofano anteriore (per la prima volta su un’elettrica del gruppo Stellantis).

Alfa Romeo

Alfa Romeo Junior Veloce 2024 – Prova su strada – Foto

Nell’abitacolo le somiglianze con altre auto “parenti” non sono evidenti come nel caso ad esempio della Fiat 600, se confrontata con la Jeep Avenger. Ci sono del resto dei richiami ad elementi presenti su altre Alfa Romeo, come la doppia palpebra del cruscotto a cannocchiale, che ha i bordi che si illuminano negli 8 colori delle luci d’ambiente, così come le bocchette a forma di quadrifoglio del climatizzatore.

Alfa Romeo

Alfa Romeo Junior Veloce 2024 – Prova su strada – Foto

La strumentazione digitale TFT è da 10,25″, stessa misura della diagonale dello schermo centrale del sistema infotelematico, montato in posizione ribassata e orientato verso posto guida. Il software dell’infotainment ha logica di utilizzo strutturata in menu e widget che fanno da scorciatoie, ed è prevista l’integrazione con l’intelligenza artificiale ChatGPT.

Il volante ha dimensioni ridotte che sottolinea la sportività degli interni assieme ai sedili Sabelt della Junior Veloce, molto avvolgenti e con rivestimenti in Alcantara. Il tunnel centrale si sviluppa su un unico livello e anche sulla plancia restano dei tasti fisici, come quelli per accensione e spegnimento, per il selettore della trasmissione e per le modalità di guida, oltre che per i comandi del clima. C’è poi una mensola per ricaricare senza fili telefono, così come senza fili è anche la connessione con Android Auto e Apple CarPlay.

Alfa Romeo

Alfa Romeo Junior Veloce 2024 – Prova su strada – Foto

Alfa Romeo Junior Veloce 2024: Guida

La Junior è una delle novità 2024 più importanti sul mercato italiano, perché si tratta del modello più piccolo e meno costoso di un marchio molto amato nel nostro Paese (fra qualche riga parliamo anche di prezzi).

E visto che la Junior si posiziona sotto la Tonale, è anche un po’ l’erede delle Alfa Romeo Giulietta e Alfa Romeo MiTo, due modelli molto diffusi in italia proprio per il loro posizionamento commerciale, dalle quali appunto la Junior raccoglie un po’ il testimone.

Alfa Romeo ha deciso di far provare ai giornalisti la Junior sulle piste di Balocco dove vengono collaudati i nuovi modelli. E per l’occasione ha aperto per la prima volta il percorso completo di una parte dell’impianto chiamata circuito Langhe, che simula una strada di collina piena di curve e saliscendi e che in passato è stata usata per altri test drive, non mettendo però mai a disposizione di persone esterne all’azienda la configurazione più lunga, dove in passato
anche la squadra “Alfa Corse” ha testato e messo a punto le auto da competizione che gareggiavano nei vari campionati (F1 – DTM – Super Turismo).

Parliamo di oltre 20 km di pista e di 110 curve, una lunghezza paragonabile alla pista del Nurburgring che è un altro circuito che viene citato spesso quando si parla di messa a punto delle automobili.

Alfa Romeo

Alfa Romeo Junior Veloce 2024 – Prova su strada – Foto

Vi racconto come va su strada la Junior partendo proprio da qui, da come è stata collaudata, da come è stato fatto il set-up dinamico della macchina.

È infatti un aspetto fondamentale per Alfa Romeo, anche quando non sviluppa i suoi modelli con un progetto dedicato (come è successo con la Giulia e la Stelvio), perché anche nel caso in cui si parta da un telaio già esistente i tecnici Alfa fanno sempre delle modifiche a sospensioni, sterzo e tarature elettroniche per dare alle auto il comportamento sportivo che ci si aspetta da questo marchio.

È successo di recente con la Tonale, partendo dalla piattaforma della Jeep Renegade e della Fiat 500X, oppure se andate più indietro nel tempo pensate all’Alfa Romeo MiTo, che era stata adattata partendo dal pianale della Fiat Grande Punto.

La Junior ha invece la piattaforma telaistica modulare CMP, condivisa da altri modelli del gruppo Stellantis paragonabili per quel che riguarda la carrozzeria da crossover, da SUV, dunque rialzata. In particolare, rispetto alla Peugeot 2008 o alla Opel Mokka, un’evoluzione consistente di questa piattaforma è stata fatta con la Jeep Avenger, passando poi alla Fiat 600 e alla Lancia Ypsilon, dove sono state anche allargate le carreggiate ed è stato introdotto uno sterzo con calibrazione differente.

Alfa Romeo

Alfa Romeo Junior Veloce 2024 – Prova su strada – Foto

Analogamente, le Citroen con questa piattaforma hanno sospensioni con tarature idrauliche dedicate, per massimizzare il comfort, oppure le Opel al contrario hanno una risposta più rigida, su richiesta degli ingegneri tedeschi. E quindi, anche la Junior ha ricevuto le personalizzazioni volute dai tecnici Alfa Romeo, che tra l’altro in passato hanno lavorato anche di modelli come le Giulia e Stelvio Quadrifoglio o come le Giulia GTA e GTAm.

Tornando alla Junior, si è partiti da uno sterzo più diretto di altre auto della stessa categoria. Il rapporto di demoltiplicazione è di 14.6:1 e nel video vi spiego meglio come valutare questo parametro, contestualizzandolo anche con quello di altre Alfa (la Tonale ha un rapporto di 13.6:1, Giulia e Stelvio di circa 12:1, 156 e 147 non GTA di circa 13:1).

Più questo numero è basso più lo sterzo è diretto permettendovi di fare movimenti minori, angoli minori con il volante per impostare le traiettorie.

Di conseguenza sono poi state definite le geometrie dell’assetto, gli angoli caratteristici delle ruote (convergenza, camber o campanatura, caster o incidenza), in particolare sulla versione Junior Veloce che sto guidando, che è la più sportiva e che quindi ha anche sospensioni ribassate di 2,5 cm e barre antirollio anteriori e posteriori più grandi per cercare un blianciamento più sportivo tra sottosterzo e sovrasterzo, migliorando così gli inserimenti, l’agilità e la precisione di guida.

La Junior Veloce è anche la versione più potente attualmente disponibile nella gamma, per cui i freni sono stati maggiorati, con dischi anteriori da 382 mm con pinze monoblocco a 4 pistoncini e posteriori da 268 mm con pinza flottante.

Tra l’altro la Veloce è più potente di quanto annunciato durante la prima presentazione statica della Junior, in cui si parlava di 240 CV invece di 280 CV dell’auto provata in questo test drive (per la precisione il dato dichiarato è 207 kW, quindi 282 CV). La coppia è di 345 Nm e la trazione è anteriore con differenziale autobloccante meccanico Torsen, un componente ancora raro per un’auto elettrica.

Alfa Romeo

Alfa Romeo Junior Veloce 2024 – Prova su strada – Foto

La Veloce – quindi – ovvero la Junior con le prestazioni più elevate, è elettrica, in una gamma formata anche da una seconda motorizzazione elettrica meno potente e da una motorizzazione ibrida a benzina.

Tornando al motore della Junior Veloce, parliamo di un elettrico sincrono a magneti permanenti collegato alle ruote anteriori, con il valore massimo di coppia costante da 250 giri/min fino a 6.000 giri/min, punto in cui diventa costante la potenza di 282 CV, per arrivare fino a 15.200 giri/min del limitatore.

La reattività di risposta della Veloce dunque va gestita a bassi giri, nelle accelerazioni e negli spunti, grazie come detto a un autobloccante di tipo Torsen e a ruote più grandi delle altre Junior. I cerchi in lega sono da 20”, con gomme sviluppate in maniera specifica per le auto elettriche, in particolare con una carcassa rinforzata che tiene conto del peso maggiore di un’elettrica rispetto a una termica e anche della coppia motrice superiore e istantanea che le gomme devono gestire in accelerazione.

Alfa Romeo, tra l’altro, dichiara che la Junior Veloce ha il peso migliore rispetto ad altre auto elettriche paragonabili: 1.590 kg.

Volete sapere come si traducono tutte queste soluzioni in termini di sensazioni di guida? Vi lascio a miei commenti nel video, in cui posso descrivervi meglio il comportamento della nuova piccola Alfa.

Alfa Romeo

Alfa Romeo Junior Veloce 2024 – Prova su strada – Foto

Alfa Romeo Junior Veloce 2024: Prezzi

Questo primo test drive è stato organizzato a Balocco in anticipo rispetto alla fase di omologazione dell’Alfa Romeo Junior Veloce, che è la più potente, sportiva e ricca
in una gamma che prevede anche l’allestimento di ingresso e l’allestimento più equipaggiato chiamato Speciale. Si può scegliere tra una motorizzazione a benzina ibrida e una 100% elettrica (la Junior, tra l’altro, è la prima Alfa Romeo disponibile anche con questa alimentazione esclusivamente a batteria).

I prezzi dell’Alfa Romeo Junior partono da 29.900 euro per la ibrida e da 39.500 euro per l’elettrica, e per l’allestimento Speciale ci vogliono 2.000 euro in più a parità di motorizzazione. Si tratta di un listino che dà accesso agli incentivi pubblici, con uno sconto di 5.000 euro o 3.000 euro a seconda che si rottami una vecchia auto oppure no.

Per farvi un’idea, invece, su come si strutturi il listino di Alfa Romeo con l’arrivo della Junior, fate riferimento ai prezzi di partenza degli altri modelli: da circa 39.000 euro per una Tonale, da circa 50.000 euro per una Giulia e da circa 53.000 euro per una Stelvio.

Vi ricordo anche le altre motorizzazioni che equipaggiano la Junior, oltre alla versione Veloce protagonista di questa prima prova su strada.

L’Alfa Romeo Junior ibrida ha un 3 cilindri 1.2 turbo benzina mild hybrid con 136 CV, un motore elettrico da 29 CV, una batteria da 0,9 kWh, il cambio automatico doppia-frizione a 6 rapporti e la trazione anteriore oppure anche la trazione integrale Q4, con un secondo motore elettrico posteriore da 29 CV (21 kW).

L’Alfa Romeo Junior elettrica invece ha un motore anteriore da 156 CV, batteria da 54 kWh di capacità, autonomia dichiarata di 410 km nel ciclo di omologazione WLTP, potenza di ricarica in corrente continua DC di 100 kW, per un tempo inferiore ai 30 minuti per andare dal 10% all’80%.

Infine, per inquadrare l’Alfa Romeo Junior rispetto alle concorrenti potete considerare altri SUV piccoli con caratterizzazione premium: l’Audi Q2, rinnovata da poco e senza variante 100% elettrica; la Lexus LBX, solo ibrida; la Volvo EX30, che invece è solo elettrica; la MINI Aceman, in arrivo nel corso 2024. Considerando poi anche un’indole sportiva in linea con quella della Junior, c’è da tener conto anche della Ford Puma, pronta a diventare anche elettrica nel 2024.

Alfa Romeo Junior Veloce 280 CV

  • Lunghezza: 417 cm
  • Altezza: 150 cm
  • Larghezza: 178 cm
  • Peso: 1.590 kg
  • Volume di Carico: 400 L
  • Motor: elettrico sincrono a magneti permanenti
  • Trasmissione: rapporto singolo
  • Trazione: trazione anteriorie – differenziale autobbloccante meccanico Torsen
  • Potenza: 282 CV (207 kW)
  • Coppia Massima: 345 Nm @ 250 – 6.000 rpm
  • Accelerazione 0-100 km/h: 5,9 s
  • Velocità Massima: > 200 km/h
  • Batteria: 54 kWh (51 kWh net) – 400 V
  • Autonomia in elettrico: 322 km – 334 km WLTP combinato
  • Tipo di ricarica: AC 11 kW – DC 100 kW

TOP STORIES

Top List in the World